Home » Avvisi

Notizie

Un Minuto di Sapienza.

Voce del Don

UN MINUTO DI SAPIENZA

Non essere schiavo di pregiudizi!

Il pregiudizio è l’opinione più facile da seguire

perché può essere professata senza indicarne gli

argomenti e pensa di essere vera solo perché è il

modo di pensare della maggioranza.

E’ la verità che conta! questa esige sempre impegno,

intelligenza e motivazioni ed è propria di chi è saggio

e coraggioso. Il pregiudizio è proprio di chi è

superficiale e ignorante.

——————-

Non criticare!

Cerca piuttosto di collaborare con tutti, senza fare

critiche. La critica ferisce, e a nessuno piace venir

ferito. E colui cui piace criticare, un pò alla volta si

trova isolato da tutti.

Se vedi qualcosa di sbagliato, parla con amore e

gentilezza, cercando di aiutare. Ma sopratutto, cerca

di correggere gli altri attraverso il tuo esempio

personale.

——————

Vivi nella serenità!

Non permettere che la calunnia ti turbi!

Tutti siamo soggetti alla calunnia. Ma sappi superarla,

vivendo in modo tale che il calunniatore non abbia

ragione. Non rispondere all’ attacco con un altro

attacco. Se la calunnia è tale e quindi realtà non vera

nei tuoi confronti, questa non ti rende nè peggiore, nè

migliore e quindi non turbarti.

——————-

Dai ciò che di più bello c’è in te!

Ognuno riceve in corrispondenza a quello che dà!

Se tu distribuirai odio e indifferenza, li riceverai di ritorno.

Sempre, prima o dopo ognuno riceve quello che dà.

Se darai attenzione e affetto, se sarai capace di

dare amicizia vera, ti troverai circondato da amici

veri da affetto e da amore.

L’amore, la gioia e la verità sono gli elementi

fondamentali per vivere sereni e per poter

conquistare le amicizie e per conservarle.

——————

Non umiliare mai nessuno!

Tutti possono sbagliare. Gli sbagli che gli altri

commettono oggi, possiamo commetterli noi domani.

Non considerarti nè il migliore,nè infallibile. Tratta

gli altri con tolleranza, e se sbagliassero aiutali a

sollevarsi; sicuramente ne avrai bisogno anche tu. E

non esigere dagli altri quello che anche tu ancora non

sei disponibile a dare.

Don Lorenzo Donà

 

Inaugurazione della nuova "Piazza Santa Giuliana"

Notizie

DOMENICA 18 SETTEMBRE 2011 verrà inaugurata la nuova piazza di Pieve di Curtarolo e del viale Padre Bernardo Longo. La nuova piazza, in particolare l'area del sagrato, verrà intitolata alla nostra Patrona Santa Giuliana.

Tutta la comunità è invitata a partecipare a questa importante giornata che inizierà con il ritrovo davanti al monumento dei caduti a Pieve alle ore 10.50 con i rappresentanti dell'Amministrazione Comunale, della Parrocchia, dei Gruppi e delle Associazioni. Poi seguirà la celebrazione della Messa presieduta dal parroco Arciprete Don Emanuele Gasparini. Alle ore 11.50, al termine della Messa, vivremo la cerimonia di inaugurazione e di benedizione della nuova piazza. A seguire un brindisi comunitario.

 

III Domenica di Tempo Ordinario

Voce del Don

Quanto durerà la notte?

“Giuda, preso il boccone, uscì subito. Ed era notte” (Gv 13,30). Poche parole per descrivere una scena drammatica: un uomo, ormai in balia dei suoi folli progetti, abbandona Cristo-luce e viene inghiottito dall’oscurità.

L’uomo teme il buio della notte e si rincuora quando scorge i primi segni dell’alba.

Le sentinelle scrutano l’orizzonte, aspettando l’aurora (Sal 130,6); lunghe sono le notti di chi, arso dalla febbre, è angosciato dagli incubi ed è stanco di rigirarsi fino al mattino (Gb 7,3-4).

Attende un raggio di luce anche chi è precipitato nelle tenebre del vizio, della menzogna, dell’ingiustizia; attende un raggio che gli annunci la fine di una dolorosa notte e l’inizio di un nuovo giorno.

Sentinella, quanto resta della notte? – chiede il profeta (Is 21,11). Quanto durerà ancora nel mondo il buio del male e del peccato? Quando gli uomini saranno “liberati dal potere delle tenebre”? (Col 1,13). Paolo invita alla speranza: “ È ormai tempo di svegliarvi dal sonno, perché la nostra salvezza è più vicina ora di quando diventammo credenti. La notte è avanzata, il giorno è vicino” (Rm 13,11-12). Il conflitto luce-tenebre continua, nell’attesa del giorno senza fine, quando “non vi sarà più notte e non ci sarà più bisogno di luce di lampada, né di luce di sole, perché il Signore Dio li illuminerà” (Ap 22,5).

don Emanuele

 

II Domenica di Tempo Ordinario

Voce del Don

Dio: colui che chiama

           Non c’è pagina della Scrittura in cui non compaia in qualche modo il tema della vocazione. “In principio” Dio chiama le creature all’esistenza (Sap 11,25), chiama l’uomo alla vita e quando Adamo si allontana da lui gli chiede: “Dove sei?” (Gn 3,9). Chiama un popolo e lo predilige fra tutti i popoli della terra (Dt 10,14-15); chiama Abramo, Mosè, i profeti e affida loro una missione da portare a compimento, un piano di salvezza da realizzare. Chiama per nome anche le stelle del firmamento ed esse rispondono: “Eccoci!” e gioiscono e brillano di gioia per colui che le ha create (Bar 3,34-35). Comprendere queste vocazioni equivale a scoprire il progetto che Dio ha su ognuna delle sue creature e su ogni uomo. Nessuno e nulla è inutile: ogni persona, ogni essere ha una funzione, un compito da svolgere.

“Dall’Egitto ho chiamato mio figlio” – dichiara il Signore per bocca di Osea (Os 11,1) e Matteo (Mt 2,15) applica questa profezia a Gesù. Sì, anch’egli ha una vocazione: ripartire dalla terra di schiavitù, ripercorrere le tappe dell’esodo, superarne le tentazioni e giungere con tutto il popolo alla libertà.

E la nostra vocazione?

“Dio ci ha chiamati con una vocazione santa ” (2 Tm 1,9), ci ha chiamati “mediante il nostro vangelo, all’acquisizione della gloria del Signore nostro Gesù Cristo” (2 Ts 2,14).

I cammini che conducono a questa meta sono diversi per ciascuno di noi: c’è il cammino di chi è sposato e quello di chi è celibe, c’è il percorso dei sani e dei malati, dei vedovi, dei separati, dei fidanzati… Ciò che importa è ascoltare e scoprire dove Dio vuole condurre ognuno e “camminare in modo degno della vocazione che è stata assegnata” (Ef 4,1). “Angelo del Signore” è chiunque si affianca al fratello e lo aiuta a discernere e a proseguire lungo la via tracciata per lui da Dio.

 

Festa del Battesimo di Gesù

Voce del Don

Volle risalire con noi da un abisso

Ai luoghi biblici è legato spesso un significato teologico. Il mare, il monte, il deserto, la Galilea delle genti, la Samaria, il fiume Giordano, le terre al di là del lago di Genezaret sono molto più di semplici indicazioni geografiche (spesso neppure del tutto esatte).

Matteo non specifica il luogo dove è avvenuto il battesimo di Gesù, ma vi allude Giovanni: “Avvenne in Betania, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando” (Gv 1,28).

La tradizione ha giustamente localizzato l’episodio a Betabàra, il guado dove anche il popolo d’Israele, guidato da Giosuè, ha attraversato il fiume ed è entrato nella Terra promessa.

Nel gesto di Gesù sono dunque presenti richiami espliciti al passaggio dalla schiavitù alla libertà e all’inizio di un nuovo esodo verso la vera Terra promessa.

Betabàra ha anche un altro richiamo, meno evidente, ma altrettanto significativo: i geologi assicurano che questo è il punto più basso della terra (400 m. sotto il livello del mare).

La scelta di iniziare da lì la vita pubblica non può essere casuale.

Gesù, venuto dalle altezze del cielo per liberare l’uomo, è sceso fin nell’abisso più profondo per mostrare che vuole la salvezza di ogni uomo, anche del più derelitto, anche di colui che la colpa e il peccato hanno trascinato in un baratro da cui nessuno può immaginare sia possibile risalire.

Dio non dimentica e non abbandona nessuno dei suoi figli.

Don Emanuele

 
Altri articoli...
Cerca
Bollettini

No Documents