Home

TEMPO IMPORTANTE PER " FARE LA VERITA' "

Avvisi e Notizie

Sicurezze che vanno in crisi, paure che riaffiorano, fede che diventa domanda, religiosità autentica e religiosità magica … la pandemia è anche questo

e nel caso della fede "svela i pensieri di molti cuori", mette in luce la verità che vive dentro di noi.

Una cultura diffusa e assodata pensava che si fossero superati i "tempi oscuri" e che il progresso scientifico portasse soluzione a tutto; la pretesa di una "salvezza" autonoma senza il bisogno di Dio era diventato, ed è ancora, un messaggio subdolo largamente diffuso.

La pandemia viene a dare un duro colpo a questa nostra cultura che chiamavamo e chiamiamo ancora "progresso".

Papa Francesco l'ha messo bene in evidenza: «La tempesta smaschera la nostra vulnerabilità e lascia scoperte quelle false e superflue sicurezze con cui abbiamo costruito le nostre agende, i nostri progetti, le nostre abitudini e priorità. Ci dimostra come abbiamo lasciato addormentato e abbandonato ciò che alimenta, sostiene e dà forza alla nostra vita e alla nostra comunità. La tempesta pone allo scoperto tutti i propositi di “imballare” e dimenticare ciò che ha nutrito l’anima dei nostri popoli; tutti quei tentativi di anestetizzare con abitudini apparentemente “salvatrici”, incapaci di fare appello alle nostre radici e di evocare la memoria dei nostri anziani, privandoci così dell’immunità necessaria per far fronte all’avversità» (27 marzo 2020).

L'esperienza di vulnerabilità che stiamo facendo, penso e spero, riesca far presa su di noi che ci siamo costruiti i muri delle nostre sicurezze e un mondo per tanti aspetti poco umano, un mondo che non riusciva più a fare i conti con la caducità dei nostri sistemi considerati "avanzati"; dico: penso e spero, perchè noi, come per altri eventi accaduti, rischiamo di dimenticare in fretta.

Questa esperienza di fragilità spero anche ci porti a una considerazione profonda con l'idea che abbiamo di Dio, della vita cristiana e della pratica religiosa, considerazione profonda perchè è facile in queste occasioni lasciarci spingere dall'onda di un sentimento religioso che ci porta a derive insane quali: l'invocare rimedi divini per poter semplicemente tornare alla vita di sempre per fare i propri affari o anche per protrarre certe ingiustizie, vivere la religiosità come superstizione, come magia o con le proprie manie religiose...

Credo che non abbiamo tanto bisogno che la statua della Madonna o addirittura il Santissimo Sacramento passi per le strade per scongiurare la malattia (come si è fatto in qualche luogo), questo potrebbe facilmente assecondare una visione magico-religiosa di Dio, piuttosto abbiamo bisogno della presenza viva di cristiani che sanno testimoniare la fede in modo adulto. Abbiamo bisogno di cristiani che vivono una fedeltà a Dio anche se non possono fisicamente recarsi in chiesa, che dicono la loro fede in casa, che vivono i Sacramenti, che non rinunciano alla Comunione Eucaristica per non prenderla sulla mano (questo è un peccato di omissione grave, da confessare !), che sanno vivere la comunione con gli altri nella "liturgia che è azione comune" di un popolo che proclama la stessa fede, di genitori cristiani che si fanno catechisti dei loro figli...

Se la paura della pandemia spinge istintivamente uomini e donne alla preghiera, la Chiesa non si ferma a compiacersene, ma prende a cuore la testimonianza di insegnare e mostrare che la preghiera, per quanto nasca da intenzioni spontanee, non è un’emozione passeggera, ma la ricerca del vero Dio di Gesù Cristo, perché ci possiamo disporre alla sua sequela.

In una preghiera eucaristica si invoca: "Tutti i membri della Chiesa sappiano riconoscere" i segni dei tempi" e si impegnino con coerenza al servizio del Vangelo" . Nella realtà umana e in particolare in questo caso di pandemia i cristiani sono chiamati a vedere non una minaccia o un castigo di Dio ma a valorizzare i semi di bene che questa realtà ci offre, come rispondere alla conversione che ci è chiesta, alla carità che chiama... Molte volte ci si chiede dove sia Dio, quando accadono situazioni di malattia, di calamità naturali, di morte....; ma raramente ci si chiede dove sia l’uomo con le sue responsabilità, con le sue decisioni, con le sue omissioni...

Alla luce di Cristo dobbiamo riconsiderare la nostra umanità, che si è lasciata andare a deliri di onnipotenza egoistica; dobbiamo accogliere i nostri limiti, dobbiamo rifondare una coscienza che riconosce il bene e il male; dobbiamo credere che "siamo tutti sulla stessa barca" dove ci si salva solo se c’è condivisione e solidarietà.

Noi non crediamo in un Dio che ci fa comodo nei momenti di sventura e che deve, a nostro servizio, liberarcene miracolisticamente.

Noi crediamo in un Dio che ci guida, illumina e sostiene senza mai esonerarci dalle nostre responsabilità.

 

In questo tempo abbiamo bisogno:

Avvisi e Notizie

 

 

- di disintossicarci dall'ambizione di essere dei "padri eterni";

- di creare unità tra corpo e spirito, tra essere e avere, tra l'io e Dio;

- di liberarci dalla superficialità con la quale abbiamo impostato la nostra vita;

- di affrancarci dall'odio sociale che crea ambienti inumani;

- di rispettare ogni essere vivente e ogni ambiente di vita;

- di recuperare ciò che conta ed è essenziale per vivere bene;

- di ritrovare il senso del vivere riallacciando rapporti umani veri;

- di vivere il tempo in qualità immettendo in esso i valori che lo qualificano;

- di essere consapevoli che su questa terra niente dura per sempre;

- di dover fare i conti con il limite e anche con la morte;

- di avere dentro nostalgia di bellezza, di infinito e di Dio e di doverla far emergere;

- di avere la consapevolezza che l'amore e la compassione possono far miracoli;

- di alimentare la speranza con la assunzione della nostra responsabilità sociale;

- di sperimentare che davanti alla desolazione diventiamo tutti uguali...

 

ATTENZIONE: per quanto riguarda i Sacramenti della Iniziazione Cristiana, per la Prima Confessione e per La Cresima dei ragazzi di Terza media le date delle Celebrazioni per ora restano sospese. appena avremo indicazioni precise dalla Diocesi ve le comunicheremo.

 

A tutti auguro buona salute e ricordiamoci reciprocamente nella preghiera e affidiamo al Signore le persone che più hanno bisogno.

                                                                           Don Lorenzo

 

Calendario Parrocchiale di tutte le attività.

Avvisi e Notizie

E' on line il "CALENDARIO GENERALE PARROCCHIALE",

dove sono inserite tutte le varie attività della Parrocchia.

Si può consultare a questo link

 

 

Donazioni

Parrocchia e Storia

OFFERTE ALLA PARROCCHIA

Le offerte fatte in occasione dei Sacramenti del Battesimo, della Messa di Prima
Comunione, della Cresima, del Matrimonio, del Funerale, di una Benedizione o in altre
circostanze – del tutto libere – sono il modo con cui contribuire alle necessità della
Parrocchia.  L’offerta non è per il sacerdote ma va a beneficio – sempre – di tutta la
Comunità: i preti infatti sono retribuiti attraverso l’Istituto Centrale di Sostentamento del Clero (sostenuto a sua volta dall’8 per mille e da offerte liberali deducibili) e da una
quota parrocchiale in relazione al numero degli abitanti della parrocchia stessa.

Le offerte che facciamo alla parrocchia quindi non sono né una tassa da pagare né
un’elemosina ma… un modo per sentirsi parte di una grande famiglia, di cui si
condividono “gioie e dolori, fatiche e speranze”, come dice il Concilio. Il ricavato viene
utilizzato per le spese riguardanti la gestione ordinaria (ad es. utenze…) o di
manutenzione della nostra chiesa, del patronato, della canonica o della scuola
dell’infanzia, o vengono distribuite ai nostri fratelli più poveri.

   5 X MILLE - 8 X MILLE  

Un aiuto concreto ! Senza spendere niente ! :

  • Ogni persona fisica può destinare:

l’ 8 per mille delle sue tasse firmando sotto la casella “Chiesa Cattolica” .

il 5 per mille alla Associazione “Noi” per il  patronato segnando

il C.F. 92119580287   sulla casella “Associazioni”.

  • Ogni pensionato, o persona esente dalla Dichiarazione può comunque operare la scelta sia dell’8 per mille, sia del 5 per mille… all’altare di S. Andrea si possono trovare i moduli che sono semplicissimi da compilare.

  • Offerte liberali detraibili o deducibili a favore della parrocchia: le offerte fatte da soggetti titolari di reddito d’impresaconsentono al benefattore un risparmio fiscale. Tale offerta può avvenire tramite bonifico bancario sul quale la parrocchia emette per il benefattore una attestazione da allegare alla dichiarazione dei redditi.

 

 

 
Cerca
Siti consigliati
Diocesi di Padova

 

La Santa Sede

 

Azione Cattolica - Padova

 

caritas button

 

L'elenco piu' completo ed aggiornato dei siti cattolici presenti in Italia.